Non farti lasciare "a piedi" L’importanza della manutenzione nei sistemi di sicurezza

Non farti lasciare "a piedi" L’importanza della manutenzione nei sistemi di sicurezza

di Nicola Ciciarello

Una regolare manutenzione aiuta a mantenere gli impianti e i relativi componenti sicuri ed affidabili e consente di mantenere inalterate nel tempo non solo il rispetto delle norme di sicurezza ma soprattutto le prestazioni e le funzionalità previste al momento della progettazione e installazione.

La manutenzione programmata dunque, riduce drasticamente le probabilità che possano insorgere guasti che possono compromettere la corretta funzionalità di un sistema riducendone l’affidabilità e aumentando la probabilità che possano essere arrecati danni e/o disagi, come subire un furto perché l’ impianto non è intervenuto come previsto non facendo suonare le sirene ad esempio o non avvisando telefonicamente chi di dovere. 

Sirene che suonano quando va via la corrente, o il mancato inserimento proprio il giorno che stai per partire per le vacanze, sono le avvisaglie più classiche che l’impianto ha bisogno di una buona manutenzione, d’altronde non è forse vero che prima di partire per un lungo viaggio porti l’auto a fare il tagliando?

Spesso però la manutenzione preventiva viene vista, anche sotto l’occhio vigile del cliente più attento, come un inutile dispendio di soldi, solo per vedersi effettuare eventuali riparazioni di lieve entità con l’utilizzo o impiego di materiale di consumo di uso comune e/o alla sostituzione di parti di modesto valore espressamente previste come quello delle batterie dei sensori via radio

La realtà è ben diversa: infatti, non ci si può improvvisare, ma si devono eseguire processi indicati dalla norma CEI 79-3, che per i professionisti del settore è la norma che regolamenta e fornisce le linee guida dal sopralluogo alla manutenzione di un sistema di sicurezza. 

Importantissimi allo scopo sono infatti gli allegati H, I e K della appena citata norma. Dunque nel corso della manutenzione vengono testati, controllati e/o sostituiti, si le eventuali batterie dei sensori wireless, ma anche quelle della centrale e della sirena, viene controllato lo stato generale dell’impianto e il corretto funzionamento dei sensori, anche la configurazione della centrale non passa inosservata, ma viene esaminata attentamente, come d’altronde tutto il sistema viene controllo. 

Si verifica la presenza del credito e la scadenza della SIM e la perfetta funzionalità del modulo GSM. Ultimo ma non meno importante è infine la valutazione del corretto funzionamento della sirena esterna. Inoltre passano inosservati i frequenti controlli a distanza, le segnalazioni automatiche che con le moderne Tecnologie, riusciamo a monitorare anche in un palmo di mano, per essere sempre più rapidi e risolutivi, ma soprattutto essere, vicini al cliente. 

Ci scusiamo se a volte questo duro lavoro, sembra essere così riduttivo, facendolo passare per un dispendio economico, seppur irrisorio, perché parliamo di spese paritetiche ad un paio di caffè al giorno, sono convinto che Tu personalmente spendi molto più di due caffè al giorno, per una connessione, per una pay-tv o per uno smartphone.

Nicola Ciciarello
SDT impianti

Condividi questo contenuto
Leave a comment

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.